Isole-Canarie

Quante volte hai detto: “Ora basta! Mollo tutto e cambio vita!”. Ebbene , c’è chi davvero ha messo in pratica questo proposito e ha deciso realmente di andare a vivere in un altro paese.

Negli ultimi anni si sta registrando una notevole emigrazione di italiani verso le isole Canarie, che affacciano sulla costa africana e che distano circa 3-4 ore di volo dall’Italia.

É la scelta giusta? Dipende ovviamente dai motivi che ti spingono a lasciare l’Italia, da cosa cerchi e cosa speri di trovare.

Perché trasferirsi alle Canarie e a chi conviene farlo.

Iniziamo col dire che, se sei meteoropatico, le isole Canarie solo il posto ideale per te. C’è sempre il sole, e grazie alla vicinanza dell’Africa puoi fare affidamento su un clima estivo, o quanto meno primaverile tutti i giorni dell’anno.

Inoltre potrai vivere in un contesto paesaggistico affascinante, dove domina la natura incontrastata con il suo mare e le sue spiagge da favola. La vita è molto tranquilla e rilassante, proprio per questo motivo è la scelta ideale per un pensionato che vuole godersi in totale relax la sua meritata pensione.

Oltre alla qualità della vita, bisogna sottolineare anche che qui vige un sistema fiscale più favorevole rispetto all’Italia ed alla Spagna, poiché le Canarie sono una regione autonoma a statuto speciale.

Non pensare però che trasferendoti alle Canarie diventerai improvvisamente ricco.

Gli stipendi non sono altissimi, ma neanche male: nel settore turistico in media si guadagna 600 euro mensili per un part time, e 1.000 euro mensili per un full time.

Migliore è la situazione per i professionisti ed i lavori qualificati con tanto di titolo di studio, per i quali sono previsti stipendi molto più alti.

Il costo della vita media è leggermente più alto nelle zone turistiche, ma tende a calare drasticamente andando nell’entroterra.

Se stai pensando di trasferirti alle Canarie, per lanciarti in qualche attività professionale, aspetta un attimo e rifletti, o almeno consultati con un avvocato ed un commercialista del posto.

Il mercato relativo a ristoranti, bar ed altre attività legate alla gastronomia inizia ad essere davvero saturo, quindi potrebbe essere una scelta controproducente.

Se invece hai in mente di aprire un’attività innovativa sull’isola, può essere una scelta felice e vincente soprattutto se riesci a fidelizzare la tua clientela.

Gli abitanti del posto verranno infatti a spendere da te, e tieni presente che molte persone passano abitualmente dai 3 ai 6 mesi sull’isola, che potrebbero diventare tuoi clienti abituali ed affezionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Viaggiland

Consigli ed Idee di Viaggio