Close
Viaggiland

Consigli ed Idee di Viaggio

Castello di Bled, uno dei più bei castelli della Slovenia

Se stai organizzando un viaggio in Slovenia e cerchi qualcosa di speciale da fare che non sia il solito giro turistico della città, ti stai muovendo verso il Paese giusto. La Slovenia infatti è una nazione piena di spunti interessanti e pronta ad accontentare tutti: è ricoperta di laghi, fiumi, spazi verdi, montagne, ma soprattutto castelli.

In particolare, i castelli della Slovenia sono numerosi e ognuno di essi porta con sé delle caratteristiche uniche e spesso anche leggende. In giro per il Paese è possibile trovarne di tutti i tipi: infestati, incastonati nella roccia, a strapiombo sul lago, addirittura adibiti a sala ricevimento.

Vediamo insieme quali sono i più interessanti:

Il Castello di Lubiana

Il Castello di Lubiana è il castello della capitale, quindi una tappa d’obbligo. D’altronde è anche facile arrivarci dalla città, dato che dal 2006 una funicolare collega il centro storico alla collina su cui sorge. Costruito nella forma attuale intorno al 1485, è stato interamente ristrutturato nel 1960.

Ljubljana Castle

Nel corso dei secoli è passato dall’essere la fortezza della città ad arsenale, poi ad ospedale militare, infine a prigione. Attualmente è di proprietà del comune ed è sede di eventi culturali.

È una meta imperdibile, infatti offre numerose attrazioni: non solo è visitabile la Torre dalla vista panoramica, ma è anche possibile scoprire il castello attraverso la Macchina del Tempo, un tour accompagnato da guide travestite da personaggi storici.

Il castello di San Servolo

Il castello di San Servolo, nel comune di Capodistria, è il castello sloveno più vicino a noi italiani.
Posizionato in modo strategico, si trova a pochi km da Trieste ed è affacciato sul Mare Adriatico; quindi è facilmente raggiungibile dall’Italia e da chi, per esempio, ha iniziato il proprio viaggio visitando Miramare.

Per chi invece fosse più lontano e volesse escludere il tratto in macchina, è anche da considerare l’ipotesi di un traghetto da Venezia a Pirano, poiché la cittadina slovena dista soltanto 40 minuti di macchina, senza considerare che in questa maniera è possibile visitare anche Portorose, altra cittadina magnifica.

Tornando al castello, la fortezza sorge su una rocca a 350 m di altezza e risale più o meno al IX secolo.

Grad Socerb

Tra i vari usi che ne sono stati fatti nel corso dei secoli, è interessante come durante la Seconda Guerra Mondiale sia stata sede dei “servizi segreti” dei partigiani.

Attualmente, è uno dei luoghi preferiti dagli escursionisti, ma anche dai turisti, in quanto ospita al proprio interno un ristorante in cui è possibile cenare mentre si ammira il mare in lontananza.

Il Castello di Bled e il lago leggendario

Il castello di Bled è tra i più speciali della Slovenia: si affaccia sul lago di Bled e sulla sua isola ed è immerso nelle montagne.

Sul suo conto esiste una leggenda interessante: si racconta, infatti, che intorno al 1500 era abitato dal feudatario Hartman Kreigh e da sua moglie Polissena. Quando l’uomo sparì, la vedova rimase talmente addolorata da raccogliere tutto l’oro in suo possesso per fonderlo e creare una campana che suonasse in ricordo del marito.

Una volta costruita, però, venne spinta sul fondo del lago da un violento temporale.

Bled (1283981833)

Successivamente la donna si rinchiuse in un convento a Roma e quando il Papa venne a saperlo donò alla città di Bled una campana, quella che oggi si trova sul campanile dell’isola.

Ancora oggi, ogni Natale, i subacquei si immergono per riportare a galla la campana affondata secoli fa.

Questa è una delle attrazioni invernali della città, ma in realtà il castello ospita numerose botteghe antiche ed è talmente circondato da paesaggi da cartolina da essere perfetto per ogni stagione!

Il castello di Predjama costruito nella roccia

Conosciuto come Castel Lueghi, si trova nella città di Postumia. Per un breve periodo, tra le due guerre mondiali, la città era parte della provincia di Trieste, quindi del territorio italiano. La sua principale caratteristica risiede nell’essere incastonato nella roccia, tanto che alcune stanze si fondono con essa.

Anche su Castel Lueghi esiste un’interessante storia, più o meno leggendaria. Il protagonista è Erasmo di Lueg, cavaliere che ha ricevuto il titolo nobiliare e che ha abitato il castello, per un anno, per sfuggire alla pena di morte, prendendosi gioco delle guardie che lo cercavano. Il cavaliere era solito rubare all’imperatore “per dare ai poveri”, come si suol dire.

Predjama

Per sfuggire alle conseguenze e alle guardie si rifugiava nel castello, passando per stradine sconosciute. Si nascose nella rocca per un anno, vivendo di rifornimenti che gli giungevano attraverso un cunicolo e muovendosi attraverso passaggi segreti. Purtroppo, venne ucciso mentre si trovava in bagno, tradito da uno dei suoi servi. I più curiosi collegano il Castello di Predjama ai fantasmi, in particolare si sostiene che sia infestato dallo spirito del nobile.

Ogni anno, a Luglio, si tiene la Giostra di Erasmo, evento in cui i cittadini partecipano a tornei vestendo abiti medievali. Oltre a tali manifestazioni e alla leggenda degna di nota, il Castello è molto interessante per la sua particolare posizione. Inoltre, al suo interno ospita delle grotte carsiche. Per tale motivo, il complesso è visitabile nel contesto di un grande Parco che ospita anche le Grotte di Postumia.

Il castello alto di Celje

Detto anche Celjski Grad, è stato abitato sin dal 1120 circa ed è considerata una delle più grandi fortezze slovene.

Tra le famiglie che ha ospitato spicca quella dei Conti di Cilli, la più importante famiglia feudale slovena, che lo rese un’importante fortezza.

Celjski grad s Pečovnika

Intorno al XVII secolo iniziò la sua decadenza, tanto che alcuni mattoni furono usati per costruire dei palazzi in città.

Oggi il Castello di Celje  è una splendida meta scelta per le passeggiate all’aria aperta, data la sua posizione che permette anche una splendida vista panoramica.

Il castello di Negova e i suoi fantasmi

Se stai organizzando un tour dei castelli sloveni, o ci stai pensando leggendo questo articolo, non può mancare la visita alla casa di qualche fantasma, come il Castello di Negova.

Si trova nell’omonimo villaggio e la sua specialità risiede nell’essere casa di due spiriti: la strega buona Apollonia e il fantasma del Turco, che fu murato vivo.

Oggi, come tanti altri castelli sloveni aperti al pubblico, ospita numerosi eventi e mostre.

Il castello di Snežnik

Sicuramente tra i meno famosi castelli della Slovenia, è però considerato uno dei più romantici.

Si trova immerso nelle colline della regione Notranjska, nella Carniola Interna, e per arrivarci è necessaria la macchina, ma ne vale la pena.

Il castello di Snežnik è circondato da un piccolo laghetto, su cui si riflettono le sue pareti bianche, e appare come un luogo da favola.

Nonostante sia stato costruito nel Trecento, l’arredamento al suo interno risale al XIX secolo. Ospita, inoltre, alcuni “trofei di caccia”, come un orso imbalsamato, e addirittura il museo del ghiro, dedicato alla caccia del povero animale.

Il castello di Otočec

Per rimanere in tema di castelli che si specchiano su corsi d’acqua, un castello interessante è il castello di Otočec.

È facilmente raggiungibile in macchina, e merita lo spostamento. Sorge nel bel mezzo del fiume Krka, su una piccola isola, e regala un’immagine meravigliosa. Assume la forma attuale nel Cinquecento, ma è stato ricostruito in seguito ad un incendio avvenuto durante la Seconda Guerra Mondiale.

È uno dei castelli della Slovenia in cui è possibile dormire, infatti al suo interno ospita un hotel e un ristorante, ma è comunque un’ottima meta anche per passeggiare all’aria aperta, godersi il parco dell’isoletta e immergersi in luogo incantevole.

Il castello di Žužemberk

Per rimanere sul fiume Krka, un altro castello interessante è quello di Žužemberk.

Costruito nel Duecento, anche questo subisce bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, ma furono ricostruite solo alcune torri.

Zuzemberk1

Il castello non è aperto tutto l’anno, ma solo durante eventi speciali, eppure merita una visita perché sorge su una rocca a strapiombo sul fiume.

La visuale dall’alto è senz’altro un’esperienza da non perdere, ma se non potete raggiungerlo, potete comunque fare una passeggiata ai piedi della rocca e immergervi in quella che era la Slovenia antica.

Le Rovine di Velenje

Se un castello non vi basta, Velenje è la città che fa per voi. Infatti ospita  anche le rovine di ben due altre fortezze!

Il castello di Velenje è uno dei luoghi da favola della Slovenia, sorto nel XIII secolo e ospitato dalla collina all’ingresso della città, nella valle di Šalek . È uno dei più apprezzati del Paese e, oltre a regalare una vista magnifica, ospita anche il museo e numerosi eventi.

Poco lontano dal castello è possibile trovare le Rovine Ekenštajn e le Rovine Šalek

La prima è ciò che rimane di un castello costruito nel Trecento e crollato nel XVII secolo.

Le seconde sorgono su una ripida collina nella valle e si presentano come i resti di un castello abbandonato alla fine del Settecento di cui rimane, quasi interamente, una torre dalla pianta triangolare. Queste ultime sono un luogo amato dai turisti, ma per accedervi c’è bisogno di una chiave conservata dal Centro Informazioni turistiche della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *